fbpx

Pignoramento prima casa: ecco cosa è importante sapere

 

Pignoramento prima casa: ecco cosa è importante sapere

Il pignoramento della prima casa è un argomento estremamente delicato ed importante. Se temi di perdere la tua casa all’asta, probabilmente stai dedicando tutto il tuo tempo e i tuoi pensieri alla ricerca di un modo per evitare che avvenga.

Ci sono vari momenti del procedimento in cui è possibile intervenire per salvare la casa, così come spiegheremo nella Procedura del pignoramento immobiliare.

Impedire che la casa sia venduta però potrebbe non essere la soluzione giusta per il tuo caso. Il nodo centrale del problema è infatti come saldare il debito e ripartire libero da questo incubo che ti perseguita.

Quello che vogliamo fare è aiutarti a vedere con chiarezza la situazione in cui ti trovi ora e guidarti passo passo nella soluzione migliore per vivere in totale serenità il tuo futuro.

Anche se ora ti sembra impossibile, anche il tuo presente sarà molto più sereno una volta individuato con precisione il percorso che faremo insieme.

La casa è andata all’asta ma il debito non è estinto: perchè?

Purtroppo la vendita all’asta della casa non è la conclusione del tuo problema. Molti tendono a pensare che, per quanto doloroso sia perdere l’abitazione, almeno il proprio debito verrà finalmente estinto.

Capita frequentemente che in seguito al pignoramento e alla vendita della casa, le persone si accorgano di avere ancora dei debiti. Oltre al danno e allo stress per l’aver perso il proprio nido ci si trova quindi con l’amarezza di dover rispondere ancora al creditore che, di certo, non rinuncerà a recuperare tutta la cifra.

Ma perché la vendita della casa non copre il debito? Può capitare che l’asta indetta alla data indicata dal giudice vada deserta, o semplicemente non si ricevano offerte. In questi casi si ripeterà una nuova asta, con aumento dei costi e perdita di valore dell’immobile. Quando torna all’asta infatti la casa non viene proposta alla cifra iniziale, ma ad un prezzo inferiore del 25% ogni volta.

Pignoramento casa: evitare sia svenduta anzichè venduta

Vediamo nel dettaglio cosa accade: viene stabilito un prezzo d’asta, che però non riceve offerte. Nel frattempo tu sai che prima o poi la casa sarà venduta, ma non hai tenuto presente che la somma ricavata dalla vendita non coprirà il debito, in quanto decurtata del 25% del valore iniziare -già basso in partenza.

Quindi oltre a trovarti senza la casa dove avevi investito tanto -sia praticamente che emotivamente-, rischi di rimanere senza soldi e di fronte un terzo elemento con cui fare i conti:  la possibilità che il creditore “aggredisca” altri tuoi beni, presenti e anche futuri.

 Per evitare che questo incubo perseguiti te e la tua famiglia per molti anni

Contattaci e ti spiegheremo le azioni con cui ti porteremo al sicuro oltre il debito, e non solo!

Creditori all’attacco dopo il pignoramento, come evitarlo

Il creditore insoddisfatto a questo punto potrebbe rifarsi suoi tuoi conti, sul tuo stipendio (pretendendo la cessione del quinto) o sulla tua auto. Potresti portarti dietro questa Spada di Damocle a lungo, fino a vederti togliere parte della pensione e persino una futura eredità.

Il nostro compito è impedire che l’ipoteca sulla tua casa divenga l’ipoteca sul tuo futuro.  

Un altro elemento che molti non considerano è come l’aver perso la casa all’asta modifichi la propria situazione creditizia. 

Sottolineiamo di nuovo come l’asta non sia la conclusione più o meno infelice della questione. Sarai comunque iscritto al CRIF, il database che viene consultato per verificare la credibilità del pagatore, ad esempio prima di concedere un mutuo. Rischi quindi di essere impossibilitato ad accedere a prestiti futuri, di qualsiasi importo. Potresti perdere l’occasione di aprire una tua attività o venire ostacolato nel comprare nuovamente casa in un momento altrimenti favorevole.

Noi sappiamo quali strategie mettere in campo per evitare che questo accada, e mantenere pulita la tua posizione presso la Centrale Rischi. 

Contattaci PRIMA CHE SIA TARDI